Recupero dopo protesi all'anca

Il recupero dopo intervento di protesi all'anca è notevolmente migliorato negli ultimi grazie allo sviluppo delle tecniche mininvasive e al perfezionamento delle tecniche di riabilitazione, permettendo recuperi sempre più veloci.

Le strutture di eccellenza che si occupano di protesi d'anca mininvasiva, come la nostra, sviluppano sempre nuovi protocolli di "fast-track", cioè di recupero veloce.

Recupero dopo protesi anca mininvasiva

 

IL recupero veloce costituisce una nuova frontiera dopo intervento di protesi d'anca ed è possibile grazie al lavoro coordinato di ortopedico, anestesista, medico di reparto, fisioterapista ed infermiere.

La riabilitazione dopo intervento di protesi d'anca mininvasiva nella visione "moderna" inizia prima dell'intervento attraverso materariale da leggere e video disponibili su internet.

Prosegue poi al momento del ricovero con una gestione farmacologica e anestesiologica che permettano di recuperare il movimento e la forza poco dopo l'intervento.

Nel nostro centro ci dedichiamo allo sviluppo e all'applicazione della protesi d'anca mininvasiva anteriore che permette di eseguire l'intervento di protesi d'anca senza danneggiare tendini e muscoli. Eseguimo inoltre, l'intervento in anestesia locale (di cui nesiamo ideatori), con riduzione dei rischi e maggior confort del paziente.

Da un punto di vista pratico l'intervento di protesi d'anca mininvasiva in anestesia locale presenta grandi vantaggi in termini di velocità del recupero, in quanto le perdite si sangue sono molto ridotte, il dolore è praticamente assente, la ripresa della funzione tendinea è immediata non dovendone aspettare la guarigione dei tendini ed inoltre la protesi presenta da subito una grandissima stabilità (che evita la lussazione della protesi).

La grande stabilità della protesi d'anca permette in pratica di non aver limiti i movimenti dopo l'intervento, ed insieme alla quasi assenza di dolore costituiscono i fattori più importanti nel permettere il recupero veloce.

Il team dei fisioterapisti viene attivamente coinvolto nello sviluppare una precoce autonomia delle persone operate.

Vi descriveremo come avviene il recupero dopo protesi d'anca mininvasiva nel nostro centro.

Attualmente i nostri pazienti il giorno stesso dell'intervento sono in grado di camminare dentro la stanza di degenza e sono in grado di andare in bagno da soli utilizzando le stampelle.

Una volta eseguito l'intervento si possono eseguire movimenti della caviglia, flettere il ginoccchio e l'anca, mettersi sdraiati sul fianco e mettersi seduti. Nel pomeriggio si prosegue sotto la guida del fisioterapista specializzato.

Con l'iauto del fisioterapista la persona operata viene messa seduta al letto, le viene insegnato a prendere le stampelle ad alzarsi in piedi. Vengono eseguiti i primi passi e si eseguono gli spostamenti all'interno della stanza di degenza.

Durante la prima giornata la persona operata impara a gestire, prima con l'infermiere poi in maniera autonoma, la capacità di mettersi seduta, di alzarsi e di andare in bagno

Nel giorno successivo la riabilitazione prevede la ripresa graduale della camminata con stampelle, permettendo in genere di eseguire lunghi tratti nel corridoio.

In genere le persone operate escono da sole dalla stanza utilizzando le stampelle in 1° giornata dopo l'intervento di protesi d'anca.

In genere sono in grado di andare in bagno da sole entro il 1° giorno dopo l'intervento, iniziamente accompagnati dal personale sanitario (non ci piacciono le persone che cadono!).

Il salire e scendere le scale avviene in 1° o 2° giornata dopo l'intervento.

In genere la dimissione al domicilio avviene dopo 2-3 giorni dall'intervento.

Una volta rientrati a casa consigliamo di continuare la fisioterapia 2 volte la settimana per un mese, poi 1 volta alla settimana per un altro mese per perfezionare la postura e la camminata.

Consigliamo di continuare con l'utilizzo delle stampelle ancora 10-15 giorni con la prerogativa di non aver fretta a toglierle, diciamo che preferiamo che il paziente non cada, poi che tolga le stampelle.

Consigliamo di riprendere la guida dell'auto dopo un mese se le condizioni lo permettono, occorre essere sicuri per sè e per gli altri.

In genere la ripresa del lavoro di ufficio avviene a 45 giorni (i liberi professionisti dopo 20 giorni!), per i lavori pesanti che sollevano carichi si consiglia di aspettare 3 mesi.

 

Il video qui sotto mostra come avviene il recupero delle autonomie (alzarsi dal letto, camminare, fare le scale) nei primi giorni dopo l'intervento di protesi d'anca mininvasiva nel reparto del Dott. Andrea Blasi. 

 

 

Dott. Andrea Blasi (leggi informazioni)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Protesi danca in anestesia locale link

 

Leggi approfondimenti:

Le Cause di artrosi d'anca 

La Protesi mininvasiva  

I Trattamenti Evoluti  

Il Servizio di Prevenzione e Cura dell'artrosi d'anca

 

Informazioni aggiuntive