Protesi d'Anca Mininvasiva: l'Accesso Anteriore Diretto

Si tratta di una nuova tecnica che richiede una piccola incisione cutanea: 7 cm contro i 15 cm tradizionali. Inoltre, la protesi d'anca mini-invasiva anteriore consente il posizionamento della protesi senza danneggiare tendini o muscoli, e questo permette un rapido recupero con dolore praticamente assente.

Protesi Anca Bikini

La sostituzione delle superfici articolari dell’anca (protesi d'anca) è un intervento consolidato che permette il recupero di una ottima qualità di vita e la scomparsa del dolore. Nuovi progressi consentono l’uso di tecniche mini-invasive per eseguire la protesi d'anca con notevoli vantaggi rispetto alla procedura tradizionale.

Immagine di protesi anca mininvasiva ceramica

Protesi Anca Mininvasiva Ceramica

 

Per protesi d'anca mininvasiva si intende un intervento chirurgico che nella sue esecuzione risparmia le strutture anatomiche importanti; nel caso ortopedico ci si riferisce a tessuto osseo, tendini, legamenti e capsula.

Da un punto di vista estetico la protesi d'anca mininvasiva richiede solo una piccola cicatrice, soluzione molto apprezzata per il suo impatto ridotto.

Da un punto di vista della funzione la protesi d'anca mininvasiva anteriore permette un recupero veloce perché non ha dovuto sezionare strutture importanti per eseguire l’intervento e quindi la guarigione interessa solo una piccola zona. In altre parole: "meno si taglia più si recupera velocemente".

In particolare la protesi d'anca per via anteriore diretta mini-invasiva presenta grandi vantaggi:

  • dolore praticamente assente nei giorni successivi all’intervento;
  • cicatrice molto piccola ("bikini" o standard);
  • rapida ripresa del lavoro e dell'attività fisica;
  • notevole stabilità con pericolo di lussazione praticamente assente;
  • conservazione delle strutture anatomiche fondamentali per una buona biomeccanica e quindi ottima "sensazione" dopo l'intervento con grande sicurezza;
  • riduzione molto importante delle perdite di sangue;
  • durata della protesi che rispecchia i migliori risultati della letteratura.

Tutto questo porta a rendere molto più "leggero" l'intervento di protesi d'anca e ad avere un rapido recupero dopo l’intervento, infatti circa il 30-40 % dei pazienti può iniziare ad abbandonare le stampelle dopo 4 giorni dall’intervento.

La via di accesso anteriore nell'artrosi dell'anca ha una storia molto lunga, ma per molti anni è rimasta praticamente sconosciuta e poco considerata. 

Nel 1826 il dott. John Barton già utilizzava questa via di accesso per il trattamento dell'artrosi dell'anca attraverso l'osteotomia del grantrocantere.

Nel 1923 gli ortopedici Heuter e Smith Petersen diedero lo sviluppo e la divulgazione maggiore a questa via chirurgica (che infatti prende il loro nome) utilizzandola per le prime protesi d'anca (coperture delle teste femorali con coppe in vitalio).

La via anteriore fu utilizzata nel trattamento dell'artrosi d'anca per la prima volta in Italia presso gli Istituti Rizzoli di Bologna dal dott. Francesco Delitala per posizionare una endoprotesi nel 1947.

Negli anni dello sviluppo della protesi d'anca molte scuole ortopediche svilupparono in maniera indipendente diverse modalità per eseguirne l'impianto protesico.

La vie chirurgiche che si sono sviluppate per realizzare la protesi d'anca sono oltre alla via anteriore, le vie laterali (Hardige, Bauer, Watson-Jones), la via postero-laterale (Austin Moore) e la via posteriore (Kocher).

In questi anni di sviluppo che hanno portato all'attuale tipologia di protesi d'anca, l'attenzione è stata rivolta ai materiali e ai disegni protesici. Fino a quando questi non sono diventati affidabili le vie di accesso mininvasive non potevano dare un valore aggiunto.

Le vie di accesso all'anca con maggior diffusione in epoca pre-internet sono le vie postero-laterali e quelle laterali. La via anteriore era utlizzata in centri con poca risonanza internazionale.

Grazie alle nuove tecnologie (in particolare internet) e alla facilità di diffusione delle informazioni (congressi, affiancamenti in sala operatoria, siti internet, youtube) da circa 10 anni la sua diffusione sta diventando notevole.

Le grandi potenzialità della via d'accesso anteriore mininvasiva si possono realizzare se ovviamente l'impianto viene eseguito in modo corretto. 

Prima di eseguire un intervento di protesi anca è necessario eseguire una pianificazione molto accurata allo scopo di valutarne le difficoltà tecniche, la tipologia e le taglie della protesi, la tipologia di accoppiamento, i biomateriali, l'ottimizzare del posizionamento per ripristinare la geometria ideale (un corretto movimento e lunghezza della gamba).

Dal 2006 ho integrato le mie competenze professionali con questa tecnica divenendo insegnate nazionale in protesi d'anca mini invasiva anteriore. Attualmente la eseguo in maniera abituale con risultati estremamante soddisfacenti che rispecchiano le aspettative mie e quelle dei miei pazienti.

L'accuratezza nel posizionamento delle componenti protesiche, la scelta dei biomateriali di ultima generazione e lo sviluppo di una tecnica chirurgica altamente rispettosa dei tessuti corporei hanno permesso un grosso salto in avanti nel trattamento dell'artrosi d'anca.

 

Dott. Andrea Blasi (leggi il mio curriculum)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Link video protesi anca mininvasiva bikini

 

dott. andrea blasi ortopedico

 

Leggi approfondimenti: 

Protesi d'anca Bikini

La Chirurgia Computer Assistita dell'anca

Il recupero veloce dopo protesi d'anca

La Pianificazione dell'intervento

La Ricostruzione tridimensionale del Cammino

 

Guarda il video dell'intervento mininvasivo MIS bikini

 

Video: recupero delle autonomie dopo l'intervento

 

Guarda il video dell'intervento mininvasivo

 

ZBFR anca ginocchio Barcellona

 

 

Informazioni aggiuntive