Navigazione e i-pod

Grazie all’integrazione con i moderni dispositivi (i-Pod e similari) è possibile eseguire interventi mininvasivi computer assistiti per realizzare la protesi d'anca.

La Chirurgia Computer Assistita è una procedura chirurgica avanzata che permette in ortopedia il posizionamento delle componenti protesiche con altissima precisione.


La nuova generazione di dispositivi presenta al suo interno l'accelerometro ed il giroscopio, nelle applicazioni quotidiane ci fanno girare le immagini quando ruotiamo il dispositivo o ci guidano con google maps. Si tratta di strumenti che permettono di riconoscerne la posizione nello spazio e di integrarsi con le varie applicazioni.

Durante l'intervento il chirurgo può controllare importanti parametri come la lunghezza dell’arto e la geometria articolare e correggere quindi la tecnica chirurgica e l'impianto protesico.

 Questa moderna tecnologia permette quindi di realizzare interventi ad alta precisione, riducendo notevolmente la possibilità di terminare interventi con lunghezze di arti non previste, e di ottimizzare la funzione muscolare della nuova articolazione.

 cas7

cas1 cas2

cas3 cas4

cas5 cas6

In pratica, una telecamera ad infrarossi collegata ad un computer è in grado di comunicare in wifi con l'iPod sul campo operatorio sfruttandone l'accelerometro e il giroscopio presenti al suo interno.

Ogni minima variazione è visualizzata come immagine sui tre piani dello spazio e con i relativi valori numerici.

Inclinazione, affondamento, rotazione sono così sotto controllo. Il chirurgo può quindi, sul campo operatorio, “navigare” l’intervento scegliendo di assemblare le varie componenti modulari e variando la tecnica chirurgica.
Questo permette l'ottima ricostruzione geometrica articolare e dei parametri biomeccanici fondamentali nell’impianto protesico.

L'allungamento o l’accorciamento dell’arto, il centro il di rotazione e l'off-set vengono così eseguiti sotto controllo di precisione.
Dal 2013 l’equipe del Dott. Blasi esegue questi interventi applicandoli alla chirurgia protesica mininvasiva dell’anca con accesso bikini nel centro di prevenzione e cura dell’artrosi dell’anca a Ravenna. Questo gli permette di confrontare i parametri ottenuti con il navigatore con i reperi anatomici sia preopetori che durante l'intervento e valutarne le ralazioni per migliorare la tecnica chirurgica.

cas 

La mia esperienza personale relativamente alla chirurgia computer assistita mi fa concludere che associare ad una pianificazione dell'intervento molto accurata l'utilizzo della navigazione chirurgica, permette di acquisire una capacità critica nel mettere in relazione la pianificazione 2D con l'effettivo posizionamento delle componenti protesiche anche negli impianti eseguiti senza assistenza del computer.

 

Dott. Andrea Blasi (leggi informazioni)

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 

Informazioni aggiuntive